Circolare 045

Numero di protocollo: 
045
Data di emissione: 
05/10/2019

Competizione interscuole Hackathon Cyberbullismo 2019

L'IIS Ponti, in collaborazione con l'USR Lombardia e con Regione Lombardia, organizza il secondo Hackathon dedicato al CYBERBULLISMO, con lo scopo di sensibilizzare al rispetto in rete gli studenti della Scuola secondaria di secondo grado nell’ambito dei più comuni contesti di utilizzo della rete: mondo Social (Whatsapp, Youtube, Instagram, Facebook), videogiochi, Web Reputation, Hate Speech e rispetto in rete, Fake News e cittadinanza digitale, Online Challenge, Sexting).

Il 16 ottobre sarà organizzata la maratona a cui potranno partecipare gli alunni delle scuole superiori di secondo grado di tutta la Regione. Oltre 300 studenti lombardi si metteranno in gioco per creare un pittogramma “aumentato” con slogan e/o video sul tema scelto al momento dell’iscrizione.

La presentazione delle idee progettuali (“Progetti”) dovrà avvenire, nella sua interezza, nel periodo compreso tra le ore 14.00 e le 18.00 del 16 ottobre 2019. Verranno considerati il livello di innovazione tecnologica e l’originalità del prodotto/servizio.

I gruppi semifinalisti (due per ogni categoria) saranno informati entro il 24 ottobre attraverso comunicazione scritta al team leader. Il tema sarà reso noto il giorno dell'evento, in diretta. Martedì 29 ottobre 2019 le squadre finaliste si sfideranno sul palco della Sala Gaber a Milano, in un Pitch di 3 minuti, volto a dimostrare le proprie competenze di public speaking, e saranno valutati da una giuria popolare.

 

Gli studenti che intendono partecipare si devono rivolgere al prof. Gallella entro e non oltre sabato 12 ottobre 2019.

Sito amministrato da Luigi Vernizzi sul modello realizzato da Nadia Caprotti nell'ambito del progetto
"Un CMS per la scuola" di Porte Aperte sul WebComunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici - USR Lombardia.
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.